Dotto deferente

Il dotto deferente è un minuscolo tubo muscolare nel sistema riproduttivo maschile che trasporta lo sperma dall’epididimo al dotto eiaculatorio. Ci sono un paio di questi dotti nel corpo maschile, con un dotto che porta lo sperma da ciascun testicolo ai dotti eiaculatori sinistro e destro. Lungo la via, passano attraverso lo scroto, il cordone spermatico, il canale inguinale e la cavità pelvica. La posizione e la funzione del dotto deferente ne fanno una zona privilegiata per la chirurgia della contraccezione maschile.
dotto deferente

Il dotto deferente è un tubulo sottile con un diametro inferiore ai 5 mm e lungo 30 cm. Inizia come una continuazione della coda dell’epididimo nella regione posteriore dello scroto.

Rispetto all’epididimo, il dotto deferente è molto più largo e meno contorto, con la maggior parte delle sue pieghe nella transizione tra le due strutture. Dall’epididimo, il dotto deferente sale verso i testicoli ed entra nel cordone spermatico che collega i testicoli al resto del corpo. Continua con il cordone spermatico, uscendo dallo scroto ed entrando nella cavità del corpo pelvico nel canale inguinale. All’interno della cavità pelvica, il dotto deferente passa prima all’osso pelvico prima di ruotare di circa 90 gradi verso la parte posteriore e passando sopra l’orlo pelvico verso la vescica urinaria. Continua intorno al lato della vescica e passa sopra agli ureteri prima di ruotare di 90 gradi in basso e scendere lungo l’estremità posteriore della vescica verso la ghiandola prostatica. Tra gli ureteri e la prostata, il dotto deferente espande considerevolmente il suo diametro in una regione conosciuta come ampolla prima di restringersi e unirsi con le vescicole seminali al dotto eiaculatorio all’interno della prostata.

La struttura tissutale del dotto comprende un rivestimento interno del tessuto epiteliale; uno strato intermedio di tessuto connettivo e muscolo viscerale; e uno strato esterno di tonaca avventizia.